La Mezza di Bucci: è una gara da fare. 

Quest’anno, per la prima volta, gli organizzatori hanno deciso di cambiare data ed anticipare la gara da Settembre a Maggio. Una scelta che avrebbe potuto portare ad un cambio in negativo: maggio è un periodo pieno di gare, pieno di impegni di lavoro pre estate, pieno di feste, di recite, di compleanni e di altri appuntamenti di fine anno scolatisco e perchè no.. l’inizio del periodo estivo che porta spesso a fare week end fuori porta.

Invece è stata una giornata perfetta. 

Il tempo bellissimo, dopo 2 settimane di pioggia, ci ha ricordato come possa essere bella la zona di Buccinasco quando è primavera inoltrata. Arrivando al punto di ritrovo, abbiamo trovato tantissimi stand, la palestra attivissima per il deposito delle sacche, lo speaker (il mitico Paolo) già super impegnato nello spiegare che cosa stava accadendo e contemporaneamente pronto a salutare ogni atleta in arrivo.

C’era lo spazio con il buffet (acqua, the, frutta, biscotti..), la zona per farsi le foto insieme a Pisellozzo (grande Sergio!) e tutto attorno c’era aria di festa. Quel tipo di atmosfera che trovi quando, oltre ad una gara competitiva (che quest’anno aveva una partenza dedicata a parte), l’organizzazione decide di fare anche dei percorsi aperti a tutti: c’erano infatti la 5km, la 10km e i 17km.

Bambini, genitori, podisti alle “prime armi”, gruppi di amici, atleti: tutti insieme.

Correndo o camminando, non importa. 

Credo che l’obiettivo fosse far divertire, ma perchè sia un divertimento per tutti, quando in gioco ci sono così diversi obiettivi di chi partecipa, bisogna saperlo fare bene.

Su questo Verde Pisello group è stato un grande direttore d’orchestra: non è facile organizzare una giornata podistica dove chi vuole semplicemente passare una mattinata in compagnia facendo un po’ di sport, viene seguito nello stesso modo in cui si deve gestire un’atleta che magari è lì per fare il suo personal best in gara.

Per fare questo ci vuole sicuramente esperienza (e loro ne hanno tanta), ma anche cuore e tanta tanta voglia di dare il massimo.

Bisogna saper mettersi in gioco, e avere quella capacità di far coincidere professionalità e divertimento.

Tutti i ragazzi del gruppo di Verde Pisello hanno lavorato i giorni prima della gara e durante la gara: la loro presenza costante sul percorso, la loro attenzione nelle indicazioni da dare ai partecipanti, i sorrisi e gli incitamenti e soprattutto la velocità nel liberare le strade dalle transenne al passaggio degli ultimi atleti per non causare troppi disagi ai residenti.

Ma non dimentichiamo anche le ore passate a preparare i pacchi gara (diverse per le 4 tipologie di gara), a preparare i pettorali, a seguire le iscrizioni, soprattutto per le gare non competitive, che sono andate al sold out il venerdì perchè in tantissimi hanno deciso di partecipare.

Certo “le solite cose”, direte voi. Ma credetemi che quando si corre una gara con così tanti partecipanti, dove tutto fila liscio dal primo momento all’ultimo (in cui devi restituire il chip e prendere la sacca) e ti rendi conto che non hai avuto neanche per un secondo un intoppo, significa che era tutto perfetto.

Ovviamente è inutile dire che ci saremo anche il prossimo anno!

 

Foto:

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento